> Home > Fotostorie > Attività lavorative


1949 - L'appalto Capperucci in Prato Asciano

1949 - L'appalto Capperucci in Prato

MODULO RICHIESTA INFORMAZIONI
Per maggiori informazioni, compila il modulo sottostante:












INFORMAZIONI DESCRITTIVE

Fino alla fine degli anni ’50, i negozi che vendevano generi alimentari li abbinavano alla vendita di altro. Un esempio piuttosto significativo e che, ancora oggi si trova in alcuni paesini come a Chiusure, era quello di trovare una tabaccheria che vendeva generi alimentari. In Prato, all'angolo fra via Roma e via Trieste dove ora esiste un negozio di parrucchiera, per tantissimi anni c'è stato uno di questi negozi. 

L’ attività era gestita da Dina Capperucci che, nella foto è ritratta in mezzo al gruppo di persone, nel 1949. 

Qui si potevano trovare tutti i prodotti dei Monopoli di Stato, i giornali quotidiani dell’epoca: La Nazione e Il Mattino ed una serie di generi alimentari di largo consumo come: pane, pasta, sgombri, acciughe e tonno.

Di questo negozio ci risulta siano sopravvissute la stadera e la bilancia per il peso dei vari prodotti, mentre è andata perduta una caratteristica cassettiera, con sportelli di vetro, dove venivano esposti vari tipi di pasta.

Nella foto si riconoscono, partendo da sinistra:




  • Silvio Marconi, Geometra e cognato della proprietaria

  • La moglie Elia, sorella di Dina, con in braccio il figlioletto piccolissimo, Marcello 

  • La bimba Leda, figlia di Silvio e sorella maggiore di Marcello

  • La proprietaria del negozio

  • Adalgisa Magini.



Ultima cosa da notare: il marciapiede di via Roma non risultava ancora pavimentato.