> Home > Fotostorie > Attività lavorative


1952-1960 La corriera dei cavatori - Ubaldo Trapassi e Guido Giovannoni Rapolano Terme

1952-1960 La corriera dei cavatori - Ubaldo Trapassi e Guido Giovannoni

MODULO RICHIESTA INFORMAZIONI
Per maggiori informazioni, compila il modulo sottostante:












INFORMAZIONI DESCRITTIVE

Nel dopo guerra, gli operai delle cave di travertino partivano al mattino presto da Rapolano, Serre e Asciano, inforcando una vecchia bicicletta con a bordo una sportina di cartone marrone.

La sportina conteneva una bottiglia con acqua o vino e il magro pasto da consumare a mezzogiorno, preparato la sera prima dalla moglie o dalla mamma.

A metà pomeriggio, dopo una giornata a tagliare bancate in trincea o a spaccare pietre con la mazza, tornavano a casa sempre in sella alla loro bici, con una pedalata che spesso manifestava la grande stanchezza accumulata.

Grazie alle lotte sindacali e alla lungimiranza della Coop Rinascente, dopo alcuni anni venne istituito un servizio di trasporto, dal paese all'azienda e ritorno, con una corriera che faceva la spola

Le foto di vecchie tessere che davano diritto a usufruire del servizio, sono contemporaneamente testimonianza una conquista dei lavoratori e degli operai, che hanno lavorato sodo a favore della ricostruzione di un Italia, distrutta dalla guerra.