> Home > Cosa visitare > Località


Visualizza sulla mappa

Montauto Giuseppi Asciano

LOCALITÀ

Montauto Giuseppi

PROPONI INTEGRAZIONI O CORREZIONI
Per ricevere maggiori informazioni su questo luogo o per segnalare correzioni ed integrazioni all'argomento trattato compila il modulo sottostante:










RECAPITI E ORARI

Montauto Giuseppi


Biglietto da visita (vCard)


Le poche notizie su questo luogo ameno, che si incontra percorrendo la suggestiva strada bianca che dai dintorni di Asciano arriva alla Cassia in Val d'Arbia vicino a Lucignano, bisogna rilevarle dall'ottocentesco "Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana" di Emanuele Repetti, opera monumentale e benemerita per rintracciare memorie di luoghi che altrimenti, come in questo caso, avrebbero rischiato di andare irrimediabilmente perdute.

 

Scrive dunque il Repetti: "Montaguto o Montauto Giuseppi in Val d'Arbia. - Casale con chiesa parrocchiale (S. Andrea a Montauto) cui è annessa la cappella di S. Bartolomeo del Casal de' Frati, nella vicaria foranea di Buonconvento, Comunità Giurisdizione e miglia toscane 5 a libeccio di Asciano, Diocesi e Compartimento di Siena. Risiede sopra un'umile collina di marna cerulea conchigliare, sotto a cui scorre dal lato di maestro il fiume Arbia e dalla parte di scirocco il fiume Ombrone, circa a 11 miglia toscane a ostro-scirocco di Siena e 5 miglia toscane a settentrione di Buonconvento.

 

La parrocchia di S. Andrea a Montauto nel 1833 contava 312 abitanti". Fin qui il Repetti: la descrizione, come di consueto è precisissima e fornita dell' indicazione delle distanze. C'è da aggiungere che nel medioevo fu un Comunello autonomo fortificato e lo rimase fino a circa la metà del Settecento per poi essere inglobato nel Comune di Asciano. 

 


Attualmente trasformato in villa e dimora di un noto personaggio politico tedesco, Otto Schiller, è divenuto proprietà privata. Si può solo ammirare la sua bellezza sul piano paesaggistico perché recintato e per questo non raggiungibile. Si può solo costeggiare, perché la sopradetta strada bianca attraversa in parte il viale di cipressi che prosegue, oltre un cancello, per condurre al cuore di questo che un tempo era un luogo pubblico.

 

Non è per nulla facile reperirne notizie attuali, come accade per altri luoghi delle Crete Senesi che sono stati acquistati da privati e fungono, peraltro a pieno titolo, da loro residenza, o eremitaggio, o "buen retiro". Il nome del luogo sembra riconducibile alla nobile famiglia senese dei Giuseppi, padrona di diversi castelli in età feudale e, forse, anche di questa località.

 

Per accedere alla mappa della rete di avvistamento difensivo, di cui Montauto era un nodo importante, clicca qui.

SOGGIORNI NELLE VICINANZE

SAN GIOVANNI

MONTERONI D'ARBIA

Azienda agricola biologica situata nelle verdi colline senesi a pochi km da Siena. La str...

PODERE SAN LORENZO

BUONCONVENTO

Un antico casolare toscano risalente alla fine del '700 situato nel cuore delle crete sene...

VILLA FOCAIE

ASCIANO

...

RISTORO E SVAGO NELLE VICINANZE

La Grotta

MONTERONI D'ARBIA

Un giardino panoramico per aperitivi e cene durante l’estate, con suggestivi tramont...

Ristorante Pizzeria IL PONTE

BUONCONVENTO

Non lontano da Siena e a 3 km dal centro storico di Buonconvento, sorge il Ristorante Pizz...

Ristorante Piccolo Hotel San Valentino

ASCIANO

La seduzione delle Crete Senesi e dell'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, indubbiamente st...