> Home > Cosa visitare > Chiese e Monasteri


Visualizza sulla mappa

Pieve di Sant'Ippolito Asciano

CHIESE E MONASTERI

Pieve di Sant'Ippolito

PROPONI INTEGRAZIONI O CORREZIONI
Per ricevere maggiori informazioni su questo luogo o per segnalare correzioni ed integrazioni all'argomento trattato compila il modulo sottostante:










RECAPITI E ORARI

Pieve di Sant'Ippolito
Loc. La Tranquilla 53041 ASCIANO



Biglietto da visita (vCard)


ORARI DI APERTURA E VISITA:
Per la visita alla chiesa, contattare la proprietà via mail a: chiesasantippolito@email.it

La Pieve di Sant’Ippolito è la chiesa più antica di Asciano, è infatti citata nel 714 in una contesa fra i vescovi di Siena e di Arezzo, ma la sua probabile origine risale al IV secolo d. C. La sua struttura originaria a tre navate è oggi ridotta a una, in fondo alla quale, a tutta parete, è conservato uno splendido affresco, attribuito già da inizio ottocento all'artista senese Giacomo Pacchiarotti. L'affresco è composto dalla Madonna in Trono col Bambino e i Santi Pietro, Paolo, Ippolito e Cassiano.


Di questo bellissimo affresco, eseguito a più mani, come appare chiaro, anche da una visione diretta, è abbastanza certa l'attribuzione ad artisti umbri. Secondo recenti studi, infatti la Madonna con Bambino, potrebbe essere di mano del Pinturicchio. Ma ciò che colpisce a prima vista è il volto adolescente e raffinato del giovane Sant'Ippolito, con mantello e spada, l'unico che si rivolge verso l'osservatore. 


Ebbene dalla sovrapposizione dei tratti somatici, tra questo viso e alcuni autoritratti si nota la somiglianza alquanto stupefacente con Raffaello; basti vedere la forma degli occhi, il profilo del naso, la linea del mento o il contorno del volto. Ma perché un affresco così pregevole, in una piccola pieve di provincia? La presenza di Raffaello a Siena risulta documentata, in quanto Pinturicchio invitò Raffaello, ancorchè diciassettenne ma già magister, a collaborare agli affreschi della Libreria Piccolomini, interna al Duomo di Siena. 


Ecco pertanto che lo studio delle vie Lauretane (strade che conducevano a Loreto e di cui una di esse passa proprio da Asciano), ha permesso di inquadrarne l'esecuzione nell'anno del grande Giubileo di Mezzo Millennio, appunto nell’anno 1500. La presenza dei due Santi Pietro e Paolo, simboli della cristianità, confermerebbe infatti una committenza partita da Roma, dalle istituzioni vaticane, a completamento delle varie iniziative di abbellimento e arricchimento dei luoghi sacri.


Ma un'altra scoperta ci rimanda al pregevole autore: sul colletto scuro della figura del Sant’Ippolito, è in effetti possibile leggere chiaramente la R e la A e, osservando più attentamente appaiono visibili anche la P, la H e la V che svanisce dietro ad una ciocca di capelli così da comporre la celeberrima firma RAPH. V. (in latino RAPHAEL URBINAS ).
 

SOGGIORNI NELLE VICINANZE

DIPINTURE

ASCIANO

L’azienda agricola Dipinture produce olio, vino ed ortaggi, si trova a pochi passi dal cen...

LA PACE

ASCIANO

HOTEL LA PACE Ascensore ai piani, Giardino, Ristorante con tavoli all’ aperto e cucina ti...

COSTA REGOLI

ASCIANO

Struttura agrituristica di recente costruzione, inserita in mezzo al verde della campagna ...

RISTORO E SVAGO NELLE VICINANZE

Bar LA TRANQUILLA

ASCIANO

Il Bar la Tranquilla è ubicato nel Rione la Tranquilla ad Asciano (Centro delle Cre...

LA RUMBA CAFÈ - Bar Restaurant Live Music

ASCIANO

La Rumba Cafè è il nuovo locale ascianese dove trascorrere piacevoli momenti in un contest...

IL LECCIO, Pizzeria a Taglio di Elisa Gorelli

ASCIANO

Locale per i giovani e gestito dalla giovane, bella e simpatica Elisa. Se volete assaggiar...